<>


L'iLabs Singularity Summit segna un momento importante e potenzialmente storico nella ricerca sull'estensione radicale della vita umana: a trentatre anni dalla nascita degli iLabs, i fondatori Gabriele Rossi ed Antonella Canonico hanno esposto in anteprima mondiale i risultati dei principali progetti scientifici, filosofici e tecnologici.

Le opportunità della Semi-Immortalità sono state esplorate da molteplici prospettive lungo l'arco della giornata: la partecipazione di personaggi di spicco nel panorama longevista internazionale - come Raymond Kurzweil e Aubrey de Grey - ha reso l'evento un'occasione unica per riflettere sulle possibilità aperte dal cambiamento tecnologico e prepararsi oggi al domani che ci aspetta.








Il progresso tecnologico procede in modo decisamente non lineare: secondo praticamente ogni scala di misurazione rilevante, negli ultimi 100 anni l'umanità ha fatto più passi in avanti che nei precedenti trecento, e negli ultimi 10 più che nei precedenti 50.



Virtualmente ogni domanda formulabile rispetto alla Realtà può essere espressa e trovare risposta in un sistema assiomatico adeguato. Dopo trentatre anni di ricerca, gli iLabs presentano una sistematizzazione possibile della nostra conoscenza dell'universo fisico e informazionale.



L'invecchiamento biologico è un processo progressivo di decadimento. Come effetti collaterali del normale metabolismo, le cellule patiscono danni alle strutture ed indebolimento funzionale: con il passare del tempo, l'accumularsi del danno diminuisce l'efficienza del nostro organismo, fino alla morte.



Moriamo principalmente per ignoranza: non sappiamo valutare con precisione il nostro stato di salute, non conosciamo i reali effetti "complessivi" delle nostre terapie e ancora siamo lontani da una completa comprensione dei rapporti tra mente e corpo.





La struttura della nostra società è destinata a cambiare profondamente con l'avvicinarsi della Singolarità, che rivoluzionerà i principi ispiratori del "contratto sociale", la struttura politico-economica, l'amministrazione della giustizia, il rapporto tra individui e Stato.